Giorno: 22 Ottobre 2020

NetworkingSecurity
Google blocca le notifiche dei siti con contenuti offensivi

A partire da Chrome 86, Google nasconderà automaticamente lo spam delle notifiche dei siti web che mostrano un modello di notifica considerato  offensivo per i visitatori.

 

I messaggi di notifica offensivi sono una delle principali lamentele degli utenti che riceviamo su Chrome“- ha dichiarato PJ McLachlan, Product Manager di Google Web Platform – “Il nostro obiettivo con queste modifiche è quello di migliorare l’esperienza per gli utenti di Chrome e ridurre la possibilità di abusare della funzione di notifiche web per i siti abusivi.

 

Rilevamento automatico di modelli di contenuti abusivi

Google sta ulteriormente migliorando la qualità dell’ecosistema delle notifiche web di Chrome concentrandosi sui contenuti delle notifiche e nascondendo gli avvisi sui siti che potrebbero veicolare malware o che aiutino a raccogliere le credenziali dell’utente.

“Questo trattamento si applica ai siti che tentano di indurre gli utenti ad accettare l’autorizzazione di notifica per scopi dannosi, ad esempio siti che utilizzano notifiche web per inviare malware o per simulare i messaggi di sistema per ottenere le credenziali di accesso dell’utente”, ha detto McLachlan.

I crawler automatici di Chrome useranno il servizio di blacklist di Google per valutare le notifiche ricevute, contrassegnando automaticamente tutti i siti che li abusano per scopi dannosi e per applicare il blocco delle notifiche tramite attivazione/attivazione/disattivare l’interfaccia utente di autorizzazione delle notifiche più silenziosa.

 

Notifiche silenziose sui siti web abusivi (Google):

 

Periodo di tolleranza di 30 giorni

I proprietari di siti web possono utilizzare il Rapporto notifiche abusive di Search Console per vedere se il web crawler di Google ha rilevato un comportamento di notifica abusivo sui propri siti.

Google avviserà inoltre i proprietari e gli utenti registrati tramite e-mail “almeno 30 giorni di calendario prima dell’inizio dell’applicazione” in modo che possano risolvere i problemi di notifica abusivi dietro il downgrade dello stato e richiedere un’altra revisione.

I proprietari e gli sviluppatori dei siti possono ottenere ulteriori informazioni sul processo di revisione delle notifiche abusive nel Centro assistenza di Search Console.

Google fornisce loro anche una guida dettagliata sulla correzione delle notifiche abusive rilevate automaticamente e sulla richiesta di nuove recensioni del sito web.

“In una prossima versione, Chrome ripristinerà lo stato di autorizzazione di notifica da ‘concesso’ a ‘predefinito’ per quelle notifiche abusive, impedendone ulteriori a meno che l’utente non riabiliti lui stesso le notifiche“, ha aggiunto McLachlan.

 

 

Contattaci

Logo
  • Indirizzo:
    Via Lazzaretti, 39 - 10023 Chieri, Torino

  • Telefono:
    011/5503365

  • Mail:
    info@pfdservice.it

  • Codice Univoco:
    WHP7LTE

CHI SIAMO

PFD è un team di giovani professionisti sempre alla ricerca di nuove soluzioni; il nostro unico scopo è di contribuire ad aiutare i nostri clienti a raggiungere gli obiettivi prefissati con le migliori e innovative soluzioni disponibili.

iubenda Certified Bronze Partner

Seguici:

Informativa sulla Privacy

Privacy Policy

Cookie

Cookie Policy